La storia del leone che non sapeva scrivere

1 ott

Il leone non sapeva scrivere, ma non gli importava molto perché i suoi ruggiti, i suoi artigli e le terribili smorfie che sapeva fare erano più che sufficienti per ribadire la sua superiorità su tutti gli animali.  Finché un giorno, un po’ stupito, un po’ basito, si innamorò di una leonessa che leggeva un libro. E siccome la leonessa che legge è una vera signora, prima di baciarla bisogna scriverle una lettera d’amore… guai, guai, guai! Il leone peregrinò allora tra i vari animali chiedendo loro di scrivere al posto suo e arrabbiandosi sempre di più  perché ognuno scriveva dal suo punto di vista: chi offriva quattro salti sull’albero, chi una visita alla sua collezione privata di cacca, chi un po’ di giraffa fresca per cena. Finché la leonessa ascoltò di nascosto lo sfogo del suo innamorato e lo invitò sul suo ramo, con gli animali della giungla ad insegnarli l’alfabeto…

Insomma, come diceva uno dei poster di Fatatrac: “rospo che legge… diventa re” :-)   

Imperdibili, nelle illustrazioni di Boutavant, l’autore di Mouk e del suo universo (Fabbri, a proposito di Mouk: qui), gli sfondi e i colori che cambiano a seconda dell’umore del leone: tutto si fa rosa nel momento dell’innamoramento, tutto è nero e seppia all’ennesima delusione, poi tutto è rosso di rabbia, ma il rosso e il nero di fiori e petali sono anche  la bellezza dello struggimento.

Pubblicato per la prima volta in tedesco nel 2002, il libro è stato scelto dall’Agenzia nazionale francese per la lotta contro l’analfabetismo come testo che mette in luce la possibilità di cambiare il modo di guardare alle persone e rendere possibile l’accesso alla scrittura e alla lettura a qualunque età.

Curiosità: nella edizione francese la copertina ha un fondo ben diverso dal blu della versione italiana. Questo invece l’originale prima che Boutavant ci mettesse le sue illustrazioni.

Il sito di Martin Baltscheit. Galleria di immagini di Marc Boutavant.

Martin Baltscheit – Marc Boutavant, La storia del leone che non sapeva scrivere (trad. di Raffaella Garruccio e Sergio Rossi), Mottajunior 2012, 40 p., euro 9

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.205 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: