Per sempre insieme, amen

19 lug

More about Per sempre insieme, amen

Tutto dev’essere così com’è:
un pesce nell’acqua,
un uccello nel cielo,
una mano nella mia,
la sua.
La mano di Polleke e la mano di Mimun. Il pianto, il coraggio, le domande stupide, le parole che vorresti sentir ripetere tanto sono belle, il silenzio degli occhi. Polleke ha undici anni, vive in Olanda e vuole essere poeta. Le sue piccole poesie corrono sulle pagine, qua e là tra il testo, ma anche sul filo dei suoi pensieri, nel suo modo di guardare il mondo, nelle urla di rabbia che talvolta le escono di bocca. Perché l’età e la leggerezza di Polleke le permettono da un lato di guardare il mondo con una certa ironia e un certo distacco; dall’altro, fanno sì che si renda perfettamente conto di come gli adulti siano spesso impossibili, a volte privi di decenza e non capiscano mai cosa si può fare e cosa no. Sua madre e il suo maestro di scuola sono innamorati e pare si sposeranno (ma non è carino incontrare il tuo maestro in pigiama a righe nel corridoio di casa), il suo papà vorrebbe essere il poeta e andare ai confini del mondo, ma passa per la prigione e finisce per chiedere un prestito proprio a lei.
Ho solo undici anni, non mi dispiacerebbe avere ragione meno spesso.
Perché Polleke guarda il mondo e lo vede. Vede la rabbia innamorata scambiata per razzismo, vede quanto è difficile mediare con gli adulti, vede quanto è nuda a volte la realtà: che a volte si perdono tutte le parole, che a volte sei costretta a spiegare a tuo padre che l’hai aspettato tanto e adesso basta. Ma anche che consola avere una vitellina col tuo stesso nome che ti aspetta alla fattoria e un Mimun che scappa di casa per poterla venire a vedere con te. Che si può rimanere calmi e stringere una mano appena più piccola della tua.
Guus Kuijer ha vinto il Premio Astrid Lindgren 2012: ecco il discorso che ha pronunciato durante la cerimonia di consegna del premio, il 28 maggio scorso a Stoccolma, concluso con questo augurio: “Once a boy told me that to him reading was like bungee jumping inside his head. I therefore wish you all a great bungee jumping season”. In Italia Salani ha pubblicato Graffi sul tavolo e Il libro di tutte le cose. Questo libro invece è il primo di una serie dedicata a Polleke, che nel 2003 è diventata anche la protagonista di un film.
Guus Kuijer, Per sempre insieme, amen (trad. di Valentina Freschi, ill. di Alice Hoogstad), Feltrinelli kids 2012, 92 p., euro 11
About these ads

4 Risposte to “Per sempre insieme, amen”

  1. robi giovedì, 19 luglio 2012 at 10:19 #

    anche a me è tanto piacuito!

  2. FAUZIYA lunedì, 25 novembre 2013 at 18:00 #

    QUESTO LIBRO MI è PIACIUTO

Trackbacks/Pingbacks

  1. Mio padre è un PPP | Le letture di Biblioragazzi - mercoledì, 27 marzo 2013

    [...] che ci ha affascinati lo scorso anno con il suo folle inseguire i pensieri e la sua vena poetica in Per sempre insieme, amen. Con l’ironia e la leggerezza profonda a cui ci ha abituati, Polleke guarda il mondo intorno [...]

  2. Un’improvvisa felicità | Le letture di Biblioragazzi - venerdì, 28 febbraio 2014

    […] abbiamo raccontato anche le altre avventure di Polleke: Per sempre insieme, amen e Mio padre è un […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.588 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: