Archivio | 10:47

Il ragazzo dei mondi infiniti

11 apr

All’inizio questo libro non mi aveva convinto molto: Gaiman che scrive un libro “quasi” di fantascienza? No, non può essere! Poi leggendolo ho scoperto che la parte iniziale fantascientifica scemava per lasciare spazio ad una dimensione più magica, più nelle corde dell’autore di Coraline.

Joey è un ragazzo che si perde sempre e che non riesce ad orientarsi. Durante una lezione sul campo di un suo stravagante insegnante, si smarrisce e “cammina” in un altro mondo dove tutto sembra simile al suo, ma in realtà è un mondo parallelo . Qui incontra Jay, un uomo più vecchio di lui che in qualche modo gli ricorda qualcuno di sua conoscenza, che gli spiega che esistono migliaia di mondi dove ci sono migliaia di Joey diversi . E lui è uno di questi! Queste realtà parallelle sono il terreno di conquista di due popoli: gli Esa ( abitanti di mondi dove la magia predomina) e i Binari (cyborg  provenienti da realtà dove la tecnologia domina). Entrambi cercano di  predominare sugli altri, facendo prevalere la magia o la tecnologia  in un  mondo per portarlo così sotto il proprio controllo. Per fortuna c’è una squadra  di “camminatori” (così si chiamano i diversi Joey che sono in grado di camminare da un mondo all’altro) che cerca di impedire che gli equilibri si alterino.

Sicuramente non è uno dei migliori libri scritti da Gaiman, ma resta comunque una lettura originale nella commistione dei generi che propone.

Neil Gaiman- Michael Reaves, Il ragazzo dei mondi infiniti( trad. G. Iacobacci), Mondadori 2011, pp. 265  , €17

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.508 follower